Oltre agli argomenti trattati lo scorso anno (per i quali i link sono dettagliati nei post precedenti) nella lezione di venerdì è stata spiegata la possibilità di inserire video, audio e altri formati presenti online all'interno di un sito WordPress.com utilizzando i cosiddetti shortcodes. Si è poi brevemente accennato all'utilità di Google Scholar come motore di ricerca per articoli accademici.

È stato poi presentato un meta motore di ricerca utile al reperimento di materiale iconografico liberamente riutilizzabile in rete: search.creativecommons.org/